Commentaria in Aristotelem Graeca et Byzantina

Vorstufe

Beschreibung Mut. AS II. 2

Nachweis: Italien, Modena, Archivio di Stato, Mut. AS II. 02
Datierung:

s. XII ex.

Beschreibstoff: cart. or.
Format: 253 × 183 mm
Folienzahl: ff. 7

Inhalt

  • ff. 17V due frammenti da 〈Simplicio, Comm. Cael. III〉 [1o (ff. 16V appartenenti ad uno stesso fasc.): CAG VII, pp. 572, 12 (δείκνυσι)– 586, 6 (δοκεῖ); lacuna di ca. 9 ff.; 2o (f. 7RV sciolto e appartenente al fasc. successivo agli attuali ff. 16 o, più prob., al secondo dopo di essi): CAG VII, pp. 607, 8 (τῷ ποσῷ) – 609, 19 (ἀριθμὸν)].

Physische Beschaffenheit

Beschreibstoff

cart. or.

Format

253 × 183 mm

Folienzahl

ff. 7

Kopist

Due mani contemporanee:

A. ff. 16 [= A. in Mut. 80];

B. ff. 6V7V [=B. in Mut. 80];

in entrambi i casi si tratta di scritture usuali con elementi cancellereschi tipiche della fine del XII sec. e assai prob. di origine constantinopolitana. Marg. a f. 5 (s. XIV).

Erhaltungszustand

Molto danneggiato dall’ umidità e da insetti. Tracce di grecquage.

Geschichte

Datierung

s. XII ex.

Ursprünglicher Zustand

Questi ff. facevano parte originariamente del Mut. 80 e si inseriscono nelle lacune lì presenti prima del f. 163 e tra gli attuali ff. 170V e 1 (cfr. ivi) [stessi cop., stesso numero di linee (31) del Mut. 80 e dimensioni quasi perfettamente coincidenti [Mut. 80 mm 250x180 (dopo il restauro!)]. Questi membra disiecta costituiscono assieme uno dei codd. più antichi della trad. di Simplicio, Comm. Cael.

Provenienz

Tutti questi frammenti non rilegati dell’ Arch. di Stato furono scoperti nel corso del riordinamento dell’ Archivio Segreto Estense; essi facevano parte della biblioteca dei duchi d’ Este già dall’ epoca di Alfonso II (s. XVI2) [il nostro è il primo caso di identificazione di un frammento dell’ Arch.con un pezzo mancante di un cod. estense] e provenivano assai prob. dalla biblioteca del card. Rodolfo Pio (cfr. A. Pertugi , Un nuovo testimone nella tradizione delle Storie di Tucidide. Le «membranae Mutinenses» (Z), in Aevum 33 [1959], pp. 1–24 [in partic. p. 1 e n. 2]).

Bibliographie

Weitere Sekundärliteratur

  • E. Mioni, I frammenti di manoscritti greci nell’ Archivio di Stato di Modena, in Rassegna degli Archivi di Stato 21 (1961), p. 221 [= Id., Catalogo, p. 189, e Samberger, p. 467] (datato al s. XIV ex.).
  • Wartelle, p. 172 no 2281.

Quelle

  • Giuseppe de Gregorio.