Commentaria in Aristotelem Graeca et Byzantina

Vorstufe

Beschreibung Mut. gr. 69

Nachweis: Italien, Modena, Biblioteca Estense, Codici greci, Mut. gr. 069 (α.W.2.1)
Datierung:

s. XII (tranne ff. 12: s. XV)

Beschreibstoff: cart. or. (tranne ff. 12: cart.)
Format: 250 × 192/195 mm
Folienzahl: ff. I, 199, I'

Inhalt

  • (ff. 1V136V lin. 11´) Olimpiodoro, Prolegom. alla Logica e Comm. Cat. (CAG XII, 1, pp. 1–148) [la parte integrata nel s– XV (ff. 12; è caduto il I fasc. della parte antica) corrisponde a ibid., pp. 1–3, 5 (ἕκαστον)] con alcuni lunghi scolî marg. isolati vergati da diverse mani più tarde e spesso non afferenti a passi precisi del testo: 1o scolio (f. 17V: mano marg. b) 〈Giovanni Filopono, Comm. Cat.〉 [CAG XIII, 1, p. 20,4–14 (συμβεβηκότα); pp. 23,30 (τῷ αὐτῷ)–24,3; p. 23,19–30 (ἄλλο)] – ultimo scolio (f. 136RV: mano marg. d) 〈Simplicio, Comm. Cat.〉 [CAG VIII, pp. 67,27 (ἐπειδὴ) – 68,13 (ἱδρῦσθαι)]; a f. 82V (mano marg. f.) scolio (a Olimp. p. 90 συλλαβῇ) molto simile a 〈Ammonio, Comm. Cat.〉 [CAG IV, 4, p. 61 aggiunta in apparato (nel Mut. inc. καὶ ὁ ἀριθμὸς περιττῶ καὶ ἀρτίω, καὶ ὁ χρόνος μηνὶ καὶ ἐνιαυτῶ) contenuta nel Laur. 71,3].
  • (ff. 136V lin. 12–199v) Porfirio, Comm. Cat. (CAG IV, 1, pp. 55–142) con alcuni scolî marg. isolati di mani più tarde: 1o scolio [ff. 136V (accanto al tit. del testo)–137: mano marg. g], inc. ἀπορία εἰς τὸ προοίμιον τῶν ε᾿ φωνῶν· [δι]ὰ τί καὶ ἐν τοῖς (sic) εʹ προσέθηκε τὸ τί – des. ἐν τῶ ζ τῶν μετὰ τὰ φυσικὰ [….]ργει ἀριστοτέλης δι[….]το τὸ τί ἐπὶ πάντων· προσήρμοστο (?) εὐφυῶς; ultimo scolio (f. 199: mano marg. h), inc. ὑπὸ τὸ λογικ[ὸν...] δεῖ (?) […κατη]γορεῖται· ὁ δὲ ἄγγελος – des. τὸ δὲ λογικὸν τῆς οὐσίας καὶ τῆς ὑπάρξεως. Numerose correzioni e glosse marg. e interlineari di mani più tarde. Molto danneggiato soprattutto alla fine.

Physische Beschaffenheit

Beschreibstoff

cart. or. (tranne ff. 12: cart.)

Format

250 × 192/195 mm

Folienzahl

ff. I, 199, I'

Lagen

Gli attuali ff. 51 e 58 nonché 92 e 97 risultano dopo un restauro successivo al 1768 in ordine invertito.

Kopist

A. ff. 1V2V (restauro) 〈Andronico Callisto〉 (Harlfinger);

due mani contemporanee:

B. ff. 3105, 115119, 123151V, 154V156V, 158V199V;

C. ff. 105V114V, 119V122V, 152154V, 157158 [scritture usuali d’ area greco–orientale].

Oltre ad una mano greca del XV/ XVI s. (ad es. ff. 10, 18, 19) si notano numerosissime scritture marg. d’ eruditi del XIII e XIV s. tra cui si ricordano: a. (ad es. ff. 3, 4, 5RV) s. XIV; b. (ad es. ff. 17V, 25V, 26V) s. XIII2; c. (ad es. f. 38V) s. XIII; d. (ad es. ff. 46V, 136RV) s. XIII2; e. (ad es. f. 66) s. XIII2; f. (ad es. f. 82V) XIV1;

g. (ad es. f. 136V) s. XIII; h. (ad es. f. 199) s. XIII.

Geschichte

Datierung

s. XII (tranne ff. 12: s. XV)

Provenienz

È probabile che il cod. sia stato portato in Italia da Costantinopoli (ca. a. 1441) da A. Callisto, il quale avrà avuto più verosimilmente in Oriente che in Italia occasione di reintegrare il primo fasc. di un testo (Olimpiodoro) per il quale il nostro Mut. risulta essere codex unicus. La perdita della legatura più antica e dei relativi ff. di guardia dovuta al fatale restauro posteriore al 1768 impedisce di ricostruire con esattezza la storia successiva del cod.; si possiede, tuttavia, una breve notizia contenuta nel Catalogus Codd. Graecorum manuscriptorum Bibl. Atestiae di G. Gabardi (Il voll. mss. degli aa. 1767–68), che a proposito del Mut. 69 riferisce: fuit olim Rizzorum Papiensium [di una famiglia Rizzi/ Ricci o Rizzo di Pavia non ho trovato notizia], tum Georgii Vallae, tandem Alberti Pii. Un’ approfondita ricerca sul tema potrebbe forse apportare alcune precisazioni a quanto già noto sulla storia della bibl. di G. Valla, il quale soggiornò tra il 1465 e il 1485 a Pavia dove fu forse anche allievo di Callisto (cfr. Heiberg, Valla, pp. 10–16). No 94 della biblioteca di Alberto Pio e no 27 della biblioteca di Rodolfo Pio. Vecchia segnatura: II.C.2.

Bibliographie

Weitere Sekundärliteratur

  • V. Puntoni, Indice dei codici greci della Biblioteca Estense di Modena, in SIFC 4 (1896), p. 431 [= Samberger, p. 347] (datato al s. XIV [?]).
  • A. Busse, ed. Olimpiodoro, Prolegom. e Comm. Cat., in CAG XII, 1, pp. V–X (codex unicus).
  • Id., ed. Porfirio, Comm. Cat., in CAG IV, 1, pp. LI–LVI (siglum M; datato al XIII s.; è il solo cod. utilizzato per l’ ed., del quale si elencano gli apografi).
  • Id., ed. Ammonio, Comm. Int., in CAG IV, 5, pp. XXV e nn. 1–2, XXVI.
  • Wartelle, p. 75 no 1036 (datato al XV s.).
  • Mercati, Codd. Pio, pp. 71 n. 1, 214, 225.
  • D. Harlfinger, Specimina griechischer Kopisten der Renaissance, I, Griechen des 15. Jahrhunderts, Berlin 1974, nrr. 44–46.
  • Gamillscheg, Supplementum Mutinense, p. 232.

Quelle

  • Giuseppe de Gregorio.